Giorgos Volikas: Componendo musica, attingo la forza per lottare per i miei sogni!

Giorgos Volikas è nato il 25 settembre 1991 ed è un compositore greco.

Il suo primo album “Genesis“, con dieci delle sue composizioni instrumental, è stato diffuso in Grecia, Istanbul, Germania, Armenia, Repubblica Ceca, Egitto, Cipro, Australia, Belgio, Regno Unito e Stati Uniti.

La melodia e il pianoforte la fanno da protagonista nella sua musica!

Le sue composizioni sono state trasmesse da emittenti radiofoniche e televisive nelle Americhe, in Australia, in Canada e in Europa, mentre i giornali National Herald a New York, Montreal Greek Times a Montreal, Cosmos a Sydney e “China Greece Times “(quotidiano greco-cinese), hanno dato risalto all’opera del compositore.

Giorgos Volikas ha presentato le sue composizioni dal vivo al Concert Hall di Atene, al Festival “La Xanthi di Manos Hadjidakis”, all’Aegean Arts International Festival di Creta, al Poros Arts Festival, oltre ad aver composto musica per spettacoli teatrali e per la Campagna pubblicitaria ufficiale dell’Associazione “Il Buon Samaritano – Maltrattamento di Donna e Bambino”.

La composizione di “Genesis” ha accompagnato parte dello spettacolo televisivo “Con Virtù e Coraggio” sulla Tv di Stato ellenica ERT-1, diretta da Tasos Birsim.

La sua “convinzione” è che “il creatore non sceglie il momento dell’ispirazione, ma è l’ispirazione a scegliere se e quando arrivare al creatore”.

Sito ufficiale: giorgosvolikas.gr

Signor Volikas, buona sera. Se la musica fosse donna, tra l’Afrodite di Milo, la Nike di Samotracia e la Gioconda, quale la rappresenterebbe meglio? Una composizione musicale può essere rivolta alla teagogia, all’amore dell’inespresso?

Buonasera signora Kyropoulos e grazie mille per l’invito.

Senza pensarci due volte, sceglierei la Nike di Samotracia. Ho sempre creduto che qualsiasi forma d’arte avesse la capacità di unire le persone… Lo stesso vale per la musica!

Proprio come questa scultura in marmo raffigura la dea alata Nike, così la musica ha la capacità di superare e alla fine di vincere le barriere e i pregiudizi che noi stessi uomini abbiamo creato nel corso degli anni.

L’ideale sarà sempre l’ispirazione per la creazione di un amore inespresso. Le emozioni umane non sono confinate allo spazio, al tempo e alle diverse credenze di ognuno di noi.

L’artista può immaginare e creare, indipendentemente da condizioni e situazioni.

In tema di Covid-19, si è chiuso a chiave nella sua stanza e ha scritto musica? Ha composto lacrime nascoste in sospiri danzanti sulle dita? Così tanta morte improvvisa ha cambiato ciò che conoscevamo fino ad ora come vita?

Non le nascondo che durante la pandemia ho composto musica. Allo stesso tempo, tuttavia, devo ammettere che ero più interessato a tutta questa esperienza improvvisa e senza precedenti, che siamo ancora chiamati a trattare con calma e prudenza.

Indubbiamente, ultimamente, l’umanità sta vivendo una dura prova. Spero che saremo in grado di superarla il prima possibile.

Che ognuno di noi aiuti i suoi simili nel miglior modo possibile. Voglio credere che tutti abbiamo rivisto molte cose, che finora davamo per scontate. Ma nulla è un dato scontato nella vita e soprattutto, naturalmente, la nostra salute.

Perché scrive musica? Da dove prende ispirazione? Il periodo di quarantena l’ha colpita o l’artista ha un suo nascondiglio appartato?

Componendo musica, attingo la forza per lottare per i miei sogni!

Per quanto riguarda l’ispirazione, ho una visione molto specifica, almeno per me stesso: “Non scelgo il momento dell’ispirazione, ma l’ispirazione è ciò che sceglie quando e se verrà da me”.

Personalmente credo che l’ispirazione arrivi con l’aiuto di Dio, la trasferisco al piano e la catturo con note sul pentagramma.

Per quanto riguarda il periodo di quarantena, credo che siamo stati tutti significativamente colpiti.

Ma secondo la mitologia, la Fenice rinasce dalle sue ceneri! Questo è quello che dobbiamo fare anche noi!

Se potesse fare un regalo a tutti i bambini del pianeta, quale sarebbe?

Con l’eccezione della salute, vorrei che ogni bambino potesse seguire sempre i propri sogni.

Il fatto che tutti possano seguire i propri sogni, non lo menziono per caso…

Sfortunatamente, anche oggi, c’è un pregiudizio da parte dei genitori quando il loro bambino manifesta un’inclinazione artistica. Sono in ansia per quello che sarà il suo futuro in termini di carriera professionale.

È noto che nessuna professione protegge più il tuo futuro. Lo garantirai, attraverso il tuo amore e la tua perseveranza, riguardo al percorso che hai scelto e tracciato.

Quando vuole piangere lo fa dentro di sé o nella “pioggia” davanti al pianoforte?

Quasi tutte le mie emozioni si riflettono davanti al piano e di conseguenza nelle mie composizioni …

Qual è la sua opinione sulle misure del governo per non includere voi artisti nei piani di protezione?

Indubbiamente, la nostra Grecia è un piccolo paese, ma con una GRANDE CULTURA…

Spero che lo Stato, anche in un secondo momento, includa e sostenga tutte le categorie di artisti, con adeguati programmi di protezione e supporto.

Perché “Nettare”? Ci darà l’ispirazione delle tue composizioni? Scelte casuali o significative?

In passato, mi è stato chiesto se potevo immaginarmi senza scrivere musica…

Pensando a questa ipotetica versione della mia vita, è stata creata la composizione “Nektar”…

Per me, scrivere musica al pianoforte è respirare e ovviamente un modo completamente personale di esprimermi.

L’ispirazione delle mie composizioni proviene da un certo stimolo… Il più delle volte i titoli delle mie composizioni sono in linea con le emozioni (mie o di altre persone), che voglio esternare in un dato momento.

Se dovessi suonare di fronte a un pubblico, quale sceglieresti qui in Italia?

Confesso di essere una persona a cui generalmente piacciono i passi lenti e costanti …

Sarebbe un onore per me in futuro avere l’opportunità di essere in Italia e presentare le mie composizioni dal vivo al pianoforte al pubblico italiano.

Signora Kyropoulos, vorrei ringraziarla calorosamente per la bella conversazione che abbiamo avuto e sento il bisogno di ringraziare allo stesso tempo il direttore de “La Fiaccola”, Paolo Scagliarini, per l’ospitalità e il supporto.